Un nuovo apocrifo da aggiungere al dossier dell'Anticristo: la Revelatio Iohannis recentemente scoperta in un manoscritto latino di Praga

Détails

ID Serval
serval:BIB_AA1081058884
Type
Partie de livre
Sous-type
Chapitre: chapitre ou section
Collection
Publications
Titre
Un nuovo apocrifo da aggiungere al dossier dell'Anticristo: la Revelatio Iohannis recentemente scoperta in un manoscritto latino di Praga
Titre du livre
L'ultimo nemico di Dio, Il ruolo dell'Anticristo nel cristianesimo antico e tardoantico
Auteur(s)
Kaestli Jean-Daniel
Editeur
Edizioni Dehoniane
Lieu d'édition
Bologna
ISBN
978-88-10-96077-6
Statut éditorial
Publié
Date de publication
2013
Editeur scientifique
D'Anna Alberto, Valeriani Emanuela
Numéro
8
Série
Collana Primi secoli
Pages
47-83
Langue
italien
Résumé
La figura dell'Anticristo è un importante tassello tematico all'interno del grande mosaico degli studi sull'identità cristiana e la sua costruzione. È opinione ormai ampiamente diffusa tra gli studiosi che il cristianesimo antico sia stato un movimento religioso assai diversificato, le cui molteplici sfaccettature risultano difficilmente incasellabili secondo categorie spesso mutuate da sistematizzazioni posteriori. La figura dell'Anticristo - e degli anticristi - si inserisce a pieno titolo nello studio del magmatico contesto delle origini cristiane, così come del cristianesimo di età tardoantica, proprio per i diversi ruoli che a quel personaggio sono stati attribuiti nell'ambito dei conflitti vissuti dalle comunità cristiane, sia interni (scismi, eresie) sia esterni (persecuzioni di varia origine e portata). Vi entra a pieno titolo, dunque, perché è anche attraverso la costruzione letteraria della figura di un nemico che i lineamenti di numerose concezioni dottrinali e politiche cristiane si sono definiti. Si può dunque affermare che le rappresentazioni letterarie dell'Anticristo sono modalità attraverso le quali varie forme della teologia antica e tardoantica hanno compreso e interpretato situazioni di conflitto che le comunità cristiane sperimentavano. Il volume riunisce i contributi di studiosi che, pur facendo riferimento a istituzioni universitarie diverse (Losanna, Ginevra, Roma «Sapienza», «Roma Tre»), sono accomunati dall'impegno di ricerca nell'Association pour l'étude de la littérature apocryphe chrétienne. Per la prima volta, inoltre, compare la traduzione italiana di Enrico Norelli di un testo inedito scoperto da Jean-Daniel Kaestli, l'Apocalisse del beato Giovanni apostolo ed evangelista (Revelatio Iohannis), a sua volta - a giudizio del curatore - versione latina di un testo greco ignoto dell'inizio del VII secolo.
Mots-clé
Antichrist, Apocryphal Revelation of John, Latin manuscript
Création de la notice
26/11/2017 17:10
Dernière modification de la notice
21/08/2019 5:15
Données d'usage