Scrivere poesia nel Rinascimento. L'eredità classica nella lirica della prima metà del Cinquecento

Details

Ressource 1Request a copy Under embargo until 17/10/2023.
UNIL restricted access
State: Public
Version: Final published version
License: Not specified
Serval ID
serval:BIB_3D6BBD17790F
Type
Book:A book with an explicit publisher.
Collection
Publications
Institution
Title
Scrivere poesia nel Rinascimento. L'eredità classica nella lirica della prima metà del Cinquecento
Author(s)
Juri Amelia
Publisher
BIT&S
Address of publication
Milano
Publication state
Published
Issued date
17/10/2022
Peer-reviewed
Oui
Volume
6
Series
BIT&S Testi e studi
Language
italian
Number of pages
680
Abstract
«Qui optime antiquitatem calleat, is aeque et praesentia intelligit et futura plerumque prospicit»: chi ha fatto esperienza delle antichità capisce il presente e prevede molte cose future. Così scriveva Pietro Crinito all’inizio del suo De honesta disciplina, ed è una frase che definisce perfettamente tutto il percorso del Rinascimento tra la fine del Quattrocento e la metà del Cinquecento, quando l’orizzonte politico, sociale, culturale italiano subì un radicale cambiamento, da una parte a causa della progressiva scomparsa del sistema delle corti, dall’altra in ragione dell’inizio delle Guerre d’Italia. Il classicismo, specie quello augusteo, offrì una chiave di lettura per questa situazione storica, in un momento di crisi profonda, nel quale, per di più, gli intellettuali e gli scrittori videro mutare il proprio ruolo sociale e lo dovettero riconfiguare, anche per difendere il valore della scrittura e negoziare tra le richieste del potere e la propria vocazione lirica. L’ampia ricerca svolta da Juri propone un attraversamento di questa fase cruciale della storia e della cultura europee dal punto di vista della poesia, inseguendo piste alternative a quella tradizionale del petrarchismo. Dopo un’ampia introduzione critico-metodologica, il discorso si occupa di tre grandi temi centrali, circoscritti grazie a un dialogo continuo tra letteratura, storia, arte e classici: in primo luogo il poeta di fronte alla società e alla storia, in secondo luogo le strategie dell’encomio e la riscoperta dei generi antichi, infine il tema erotico e la vena sensuale. Conclude il volume un repertorio delle fonti classiche reperite nei libri dei maggiori poeti del tempo.
Keywords
Classicism, Italian Poetry, Imitation, Reception Studies, Intertextuality, Renaissance Poetry, Pietro Bembo
Open Access
Yes
Create date
02/03/2022 9:17
Last modification date
21/11/2022 8:09
Usage data