Chi vota i partiti ticinesi alle elezioni cantonali? Donne, giovani, anziani e ceti socio-professionali

Details

Ressource 1Download: Comunicato_OVPR_18.08.2015.pdf (240.27 [Ko])
State: Public
Version: Final published version
License: Not specified
Serval ID
serval:BIB_A103D34EF4F3
Type
Autre: use this type when nothing else fits.
Collection
Publications
Institution
Title
Chi vota i partiti ticinesi alle elezioni cantonali? Donne, giovani, anziani e ceti socio-professionali
Author(s)
Rossini Carolina, Pilotti Andrea, Mazzoleni Oscar
Issued date
2015
Language
italian
Notes
Observatoire de la vie politique régionale
Abstract
Come si riflettono i cambiamenti avvenuti nelle ultime tornate elettorali nell’evoluzione della base elettorale dei partiti ticinesi? Una prima analisi dell’Osservatorio della vita politica regionale dell’Università di Losanna sulle elezioni cantonali ticinesi dello scorso aprile, in particolare sulle elezioni del Gran Consiglio, evidenzia alcuni aspetti del profilo-tipo degli elettori dei principali partiti politici ticinesi. Alle elezioni del 2015 si è registrato un aumento della partecipazione di 3,78 punti percentuali. A questo aumento hanno contribuito in modo rilevantele donne, i giovani e gli anziani ossia le categorie che nel 2011 avevano registrato un tasso più alto di astensionismo o di voto per la scheda senza intestazione. Queste categorie hanno in particolare favorito l’avanzata elettorale del PLR e della LEGA al Gran Consiglio nel 2015. Nel PS e nei Verdi si osserva un calo dell’elettorato femminile, anche se restano i partiti più votati dalle donne. Nel PPD, si conferma un equilibrio fra uomini e donne. A beneficiare del voto dei giovani sono soprattutto il PLR, PS, Verdi e La Destra. La LEGA appare meno sostenuta dai più giovani, ma beneficia di più del voto degli anziani, come accade anche al PLR. Nel PPD, il voto degli over 66 ha ridotto il suo peso a vantaggio della fascia 50-65 anni. Nelle tornate elettorali ticinesi degli ultimi decenni si era visto un declino dell’interclassismo: mentre alcuni partiti ticinesi sembravano attrarre in modo vieppiù netto un elettorato di media-alta formazione o con una posizione socio-professionale superiore, altri disponevano invece di un sostegno più marcato dei ceti popolari. Le elezioni cantonali 2015 confermano in parte questo trend. Per esempio, gli elettorati del PS e dei Verdi, continuano a contraddistinguersi per una sovra-rappresentazione degli elettori con formazione elevata. Anche ilPPD appare all’insegna della stabilità, con una sovra-rappresentazione di pensionati. Allo stesso tempo, alcuni dati si muovono in controtendenza nei partiti che hanno accresciuto il proprio sostegno elettorale complessivo nel 2015. Cresce, ad esempio, la presenza dei dirigenti nell’elettorato della LEGA, mentre diminuiscono nel PLR. Queste tendenze emergono dall’analisi di due indagini condotte presso un campione rappresentativo di elettori ticinesi nei giorni successivi alle elezioni cantonali del 2011 e del 2015.
Create date
18/03/2021 17:26
Last modification date
26/03/2021 7:34
Usage data